english version

22/02/10

Un sogno reale


Lo so.

La mia vita onirica e' movimentata.

In effetti e' cosi'.


" Che strana oscurita' questa sera, il cielo e' privo di stelle. Il silenzio e' attorno a me e dentro di me. Ma chi e' che sta scendendo queste scale con me? ah, e' mia zia, nonostante sia grassottella e' agile, scende velocemente"

Mia zia si gira e mi fa segno di seguirla e di velocizzare i miei passi.

" ...ma questo non e' un sogno. Non puo' esserlo, sento il suono dei passi a terra, sento la brezza notturna sulla pelle. Ma che ci faccio in piena notte su queste scale e che cosa e' tutta questa fretta?"

Raggiungo la strada. Davanti a me e dietro me non vola una mosca. Immobilita' e oscurita'.

" Fai piano" mi dice mia zia, " Sta arrivando qualcuno"

Sento il cigolare di una bici che in lontanza mostra i contorni, si sta avvicinando. Sopra vi e' un signore, ricordo di aver pensato quanto fosse strano, ma non ricordo perche'. Si avvicina.

" E' il momento" dice e prosegue.

Mia zia mi guarda seria. " Dobbiamo andare a casa dagli altri, e cercare un posto dove nasconderci" mi dice.

Io la seguo. Cammino sull' asfalto perplessa. Saltello un paio di volte per vedere e sentire se e' vero che sto facendo tutto quello, "...eppure so di sognare...".

Cammino con la sensazione di essere nella Realta' del sogno, una realta' identica a questa tastiera dove sto battendo.

Raggiungo la mia casa. Fuori vi sono molte persone, ammutolite.

" Che succede?" domando a una donna, mia vicina di casa, pallida ed emaciata. " e' troppo tardi" mi dice e chissa' come, capisco.

Mi avvicino al crocchio di gente ammassata ad una porta e mi oriento verso il piu' alto.

" Io mi fidavo di voi!" urlo a quel signore alto almeno due metri e mezzo...


Mi sveglio sudata, come sempre, come al solito.

Provo a concentrarmi per rientrare in quell' incubo e per capire qualcosa.


" Sara' meglio fare scorta di acqua" dico a mia madre ritrovata nella stanza colma di gente. Una stanza circolare, molte persone sedute per terra o appoggiate alla parete.

" La bottiglia e' li', ma non me la sento di salire ai bagni.."dice mia madre.

Salgo io, mi metto in fila. Faccio degli scalini, e raggiungo una stanza. Davanti a me ci sono molti lavelli, ma tutti occupati da mamme e donne che lavano o preparano biberon. Sulla mia sinistra i lavandini dei bagni dove una ragazza si sta lavando i capelli...


Mi sveglio di nuovo ma nonostante la mia buona volonta' non riesco a rientrare nel sogno...

Che brutta sensazione, quella di non avere possibilita' di scelta. La sensazione di non avere altro di meglio da fare che arrendersi alle circostanze.

Nessun commento:

Loading...

La natura siamo noi

La natura siamo noi
proteggiamola

Acqua come fonte di vita

Acqua come fonte di vita
..non mi sprecare..

Banner piuma

Create your own banner at mybannermaker.com!

link banner sesto senso

Create your own banner at mybannermaker.com!

orb molto bello

Cerca nel blog