english version

29/02/12

Per i curiosi del caso alieno di Mortegliano

Ultimamente sto riscoprendo la radio, a casa nostra spesso e' la musica a tenerci compagnia, e non di rado ascoltiamo qualche trasmissione interessante, a tal proposito, considerando i tanti curiosi come me che sono finiti a dare una sbirciatina anche qui, segnalo che Venerdi' 2 Marzo alle ore 21:00 su RADIOLIBERATUTTI ci sarà una trasmissione di approfondimento sul caso di Mortegliano. Io non mancherò l' ascolto!
Per chi ha Facebook c'e' pure un evento segnalato da Ufo Skywatching

27/02/12

Considerazioni sul caso dell' alieno di Mortegliano

Questa volta voglio credere che sia successo davvero e che le persone che si sono trovate su quella rotatoria non abbiano visto una cosa del genere:


La descrizione della creatura e' incredibile, anche perche' nel passato questa creatura e' stata vista da altri che ne hanno fatto uno specie di identikit, i piedi assomigliano alle zampe di un pollo quindi credo che l' individuo che corre nel video di sopra non sia il solito avvistato da molte persone. E' vero che era notte, che la paura in certi casi fa novanta, ma la coincidenza che in quel punto molto trafficato i telefonini di tutti non funzionassero mi ha fatto comprendere che qualcosa di strano e' accaduto. La' di solito i telefoni funzionano, mentre in quel momento proprio quando dal cielo provenivano dei boati essi non avevano nessuna linea.
Ho letto un po' in qua e un po' in là trovando anche siti esteri che parlano di questa situazione, qualcuno ha scritto che se vi fosse stato realmente un alieno visto da molte persone doveva comparire almeno una foto...
Io mi domando... Avete presente che cosa accade quando ci si imbatte in un alieno?
Prima cosa...lo stupore, poi la paura, sfido chiunque a trovare l' adrenalina giusta per scattare una foto da mettere su facebook...se solo i cellulari e le fotocamere funzionassero! Non funzionano! Non ci si puo' fare niente, il motivo non lo so per certo, magari lo sapessi, pero' posso essermi fatta anche un' idea.
Per quanto riguarda le mie esperienze passate devo dire che quando ho visto qualcosa di strano non mi e' saltata subito la fotocamera in mano, e poi...quando sono andata a cercare qualcosa di strano con la fotocamera puntata non ho visto niente di rilevante. Avete presente che cosa vuol dire vedere una creatura alta 4 metri?
Io ho visto un' ombra che aveva le gambe che finivano a mala pena a livello della trave di una porta e vi posso assicurare che per poco non ho avuto un infarto!
Aspetto news e le segnalerò tenendo sotto osservazione questo interessante caso.
Se avete da aggiungere qualcosa sarebbe proprio interessante, grazie.

26/02/12

Tipologie di alieni

Ce ne sono tanti...uno mi disse che addirittura le razze potevano essere 54... allarmante! Da essere soli nell' universo a trovarsi in un universo super affollato!

12/02/12

La perfezione della natura

Esiste una proporzione divina che sta alla base della vita e tutto cio' che nasce attraverso di essa e' sinonimo di salute e bellezza.



La spirare del DNA e' soggetta alla legge della bellezza, cosi' come ne e' soggetta la musica, la scultura e le grandi opere umane come le piramidi.

di fronte a tutto questo non ci resta che fare un profondo inchino di riconoscenza verso la vita e il suo creatore.

09/02/12

Lo sciamano e l' acqua

Questa notte ho sognato uno sciamano.
Fisicamente aveva le sembianza di un vero indiano ma era vestito all' occidentale. Era sereno, abbastanza tranquillo anche nel parlare nonostante avessi un po' di timore a fargli determinate domande. Non ricordo molto. Era ospite nella mia cucina, ed ha accennato al mio futuro. Dentro di me mi e' sorta una domanda assurda, volevo sapere quanto fosse lunga la mia vita. Lui mi ha guardata ed ha detto: un anno.
" Un anno solo?" domando pentendomi di aver pensato quella domanda, mi continuavo a ripetere che e' da stupide sapere questa cosa perche' e' inevitabile finir per vivere in funzione della morte, diventa un pensiero fisso che condiziona il presente.
Lui ha riso: " Mi riferivo alla mia vita" ha detto.
Ho subito cercato di sviare l' argomento, dicendo che poteva anche non essere cosi'...poi si sono susseguite un sacco di immagini: tanta neve, tanta acqua, tanta rabbia, folle per strada, armi puntate, gente in ginocchio, gente che grida, sono tornata nella mia cucina con la mente come fossi stata risucchiata, ho guardato lo sciamano e in quel momento dal muro ha iniziato a zampillare acqua. Scendeva giu' andava sulla tv accesa, per terra, bagnava tutto. Cerchiamo di tamponarla riuscendoci, mi accorgo di non essere piu' sola, ci sono tutti i miei familiari, ed assieme allo sciamano iniziamo a ballare. Penso che quel momento sia perfetto cosi', non ho voglia di pensare al dopo, mi godo i sorrisi e le risa allegre come fossero il regalo piu' bello della mia vita, tutto e' perfetto. E mentre danziamo percepisco l' aumento della forza dentro di me. Poi mi sono svegliata.

06/02/12

Niente titolo, solo silenzio.

Durante una rilassante meditazione ho dimenticato di saper respirare, di udire i suoni attorno a me, di esistere.
Si e' aperta un' immagine nella mia mente, chiara e limpida. Una fontana di pietra bianca su cui sono seduta. Le mie mani sono appoggiate sulla pietra dura e fresca e mi godo la tranquillità di quel posto. Mi sembra di sentire il rumore dell' acqua e di provare un brivido di vento sulla pelle. Credo di essere vestita di seta, il tepore della giornata e lo scrosciare dell' acqua mi cullano. Chiudo gli occhi respirando il buono di quel momento. Sento dei passi. So che e' Lui, ma non apro gli occhi. Mi imbarazza un po' farmi trovare completamente assorta nel mio momento di intimità. Ma d' altra parte se sono li' e' per parlare con lui. Quanto mi e' mancato. Apro gli occhi e sento che il sorriso si allarga fino ad essi contemplando il suo viso. I suoi occhi neri profondi mi scrutano severi ma non riescono a togliermi la gioia di essere li', di nuovo dopo lungo tempo.
" Giglio, sei tornata." mi dice.
" Si', S. Sono felice di esserci riuscita" rispondo con un breve cenno del capo in segno di rispetto.
" Che cosa agita le tue acque?" mi chiede guardando al di là di me, dentro il mio profondo fino agli abissi del mio oceano.
" S. le mie acque tacciono, perchè non voglio contemplare le loro onde" ho lo sguardo per terra lottando contro la voglia di guardare i suoi occhi. Sono occhi cosi' profondi che sembra di vedere la fine di un buco nero e danno l' illusione di poter toccare con mano le infinite verità che di cui sono fatti.
E' seguito un silenzio vuoto, fatto di fruscii e profonda consapevolezza della sua presenza. So che ha capito tutto, di nuovo, che sente cio' che nascondo nel mio fondale, qualcosa che e' incomprensibile ai miei occhi.
" Delle volte una tempesta serve a rendere limpide le acque. Non puoi impedire che questo accada, non vuoi che i pesci che nuotano in acque mosse e torbide abbiano il loro cielo limpido?"
" Vorrei risporderti: no, non voglio, perche' temo molto di vedere un fondale che non mi piace, dei pesci che mi spaventano, ma non capisco perche' ho questo timore"
Alzo il viso e incontro il suo sguardo, gli occhi emanano amore e compassione, sono teneramente sorridenti e comprendo che vorrebbero abbracciarmi, anche se S. non lo fa fisicamente mi sento inondata dalla sua tenerezza e di nuovo torno ad essere una bambina, bisognosa della sua guida.
" Se improvvisamente venisse una tempesta e tu stessi nuotando nelle tue acque potrebbero succedere due cose. Potresti spaventarti, annaspare, lottare contro le onde con il terrore innato di non farcela, di annegare di morire, oppure mantenere la calma lasciarti trascinare verso uno scoglio, risalirlo ed osservare la tempesta da li' fino a che non passa. Certo anche lo scoglio non e' sicuro, ma lo hai affrontato e non ti sei lasciata sopraffare dagli eventi. Delle volte osservare la situazione da sopra piuttosto che "da dentro" ti permette di valutare meglio le circostanze e di trovare la giusta via d' uscita"
Mi sorride. Sa che ho capito.
" Perche' temo di affogare?"
Ride, " Non sei mai stata un ottima nuotatrice"
" Lo so" rido anche io, poi scuoto la testa, " nonostante le mie vecchie 40 vasche all' ora odio l' acqua i costumi e l' odore di cloro..."
" Oh Giglio, lo sai che non mi riferivo a quello..."
" Lo so" rispondo seria, volevo solo alleggerire un po' la mia zavorra interna.
" Quanto tempo ci vorrà prima che imparerò a nuotare bene?"
" Pensi che basti una vita?"
" Non basta?" chiedo allarmata.
S. ride. " E' ora di andare"

...E mi sono svegliata.

03/02/12

Plastica addio, speriamo!



Tra i miei tanti sogni assurdi ve ne e' sicuramente uno che mi ha lasciato un sorriso amaro.



Ero un banchiere uomo, americano. Stavo camminando lungo la strada quando un' onda gigantesta inizia ad avvicinarsi a velocità elevata. Uno tsunami vero e proprio. Vengo inghiottito dentro un vortice fatto di... rifiuti! Sono letteralmente affogato nei rifiuti! Il sorriso amaro e' sorto quando il giorno dopo ho visto che esistono nel mare intere isole di rifiuti e la maggior parte e' fatta di plastica...



Saremo letteralmente sommersi dai... FUNGHI!!!



Leggete un po' che ho scovato nel sito dell' ansa:







"Scoperto fungo che mangia solo plastica
Cresce in Amazzonia, e' in grado di alimentarsi con poliuretano


(ANSA) - ROMA, 2 FEB - La soluzione all'inquinamento da plastica potrebbe essere fornita direttamente da un fungo che cresce in Amazzonia ed e' in grado di mangiare il poliuretano.Lo rivela uno studio pubblicato dalla rivista Applied and Environmental Microbiology. Il microrganismo Pestalotiopsis microspora e' stato scoperto dagli studenti dell'universita' statunitense di Yale, che ne hanno isolato diverse decine di specie. "Questo fungo - conclude l'articolo - e' una fonte molto promettente per il biorisanamento"."



Questa e' una notizione che avrebbe potuto essere da prima pagina! E' incredibile pensare che esista un fungo in grado di mangiare il poliuretano, pero' considerando la legge del nulla si crea e nulla si distrugge, il fungo potrebbe scindere la plastica in qualcosaltro, interessante! Tornando a ragionare sull' argomento plastica che e' un polimero che esiste in natura, purtroppo, e la natura si e' organizzata di nuovo come sempre per trasformarlo. Speriamo di leggere qualcos' altro in merito a questa scoperta! Ho ancora mille domande che mi frullano nella testa.
Loading...

La natura siamo noi

La natura siamo noi
proteggiamola

Acqua come fonte di vita

Acqua come fonte di vita
..non mi sprecare..

Banner piuma

Create your own banner at mybannermaker.com!

link banner sesto senso

Create your own banner at mybannermaker.com!

orb molto bello

Cerca nel blog